Risparmiare sulla RC Auto, ecco come



Tra le tante spese che ci rendono il portafoglio sempre più leggero c’è la salata, e inevitabile, RC Auto. Una polizza che continua a rincarare, come se non bastassero gli aumenti sulla benzina e i costi di manutenzione dell’automobile; la macchina rischia di diventare un vero bene di lusso, anche se possediamo soltanto un’utilitaria.

Per cercare di arrivare alla fine del mese, proviamo a vedere cosa si può fare per risparmiare proprio sull’assicurazione auto RCA. La prima cosa da fare è senz’altro conoscere meglio la legge: la legge 2 aprile 2007, n. 40 (detta anche “Legge Bersani”) consente di acquisire la classe bonus/malus di RC Auto di un altro familiare convivente, ovvero il figlio può utilizzare la stessa classe assicurativa dei propri genitori. Questo vale ovviamente in tutti i casi di stipulazione di un nuovo contratto, ma anche se ne possediamo già uno nessuno ci obbliga a stipularne uno nuovo recedendo dal precedente. Infatti la flessibilità deve essere la nostra parola d’ordine: per risparmiare dobbiamo cercare e cercare e avere il coraggio di cambiare (anche compagnia assicurativa), perchè dobbiamo essere noi, che le conosciamo meglio di tutti, a cercare il meglio per le nostre esigenze.

Per trovare una buona polizza i mezzi on-line si dimostrano ottimi: le web-company che operano nel settore del price comparison consentono di confrontare i migliori preventivi per la RC Auto in tempi brevissimi. Le offerte on-line sono di solito molto meno costose di quelle “tradizionali”, perchè i prezzi di uno sportello o di un impiegato sono tagliabili dal conto finale. Addirittura molte agenzie lavorano completamente on-line, tagliando del tutto le spese per sedi, uffici ecc.

Prima di addentrarci nella selva dei contratti on-line è bene essere ben organizzati; meglio prendersi per tempo. Il momento migliore per fare un “check-up” della tua polizza auto è circa un mese prima della scadenza annuale. Dovremo decidere se spendiamo troppo e se un veloce giro su internet ci consenta di risparmiare su quello che già spendiamo. Quando decidiamo di andare a confrontare le varie offerte e stiamo compilando i form di richiesta di un preventivo, stiamo però bene attenti ad alcuni aspetti: dobbiamo indicare con precisione il numero di chilometri che percorriamo in un anno. Il premio sarà più basso se si guida di meno. E poi valutiamo se limitare o meno l’uso della macchina ad altri “utenti”. La “guida esclusiva” (in cui solo tu puoi guidare la tua auto) è in genere la più conveniente ma può rivelarsi troppo limitante. La “guida esperta” (quella in cui solo persone molto giovani o neopatentate non possono guidare) è in genere la scelta più saggia e consente un notevole risparmio.

Tra le garanzie per l’assicurazione RC Auto che possono essere scelte a copertura della nostra automobile è preferibile scegliere quelle che coprono i rischi maggiori, ovvero quelli che potrebbero costarti anche molto più del valore dell’auto. E’ bene anche scegliere la garanzia “Infortuni del Conducente”, che tutela chi guida ed ha torto (unico soggetto non protetto dalla assicurazione RC). Segue poi “Incendio e Furto” (in particolare se l’auto è fondamentale per la nostra vita quotidiana); ma facciamo attenzione, perchè gli altri tipi di garanzie da qui in poi cominciano a farci perdere ogni vantaggio nella nostra lotta contro le spese eccessive. Sono da scegliere soltanto se la tranquillità personale vale per noi più del costo che comporta!

Posted in Assicurazioni