Banca Sella propone il Prestito Ecologico



L’esponenziale crescita del mercato delle energie rinnovabili ed in particolare del fotovoltaico ha spinto, anche le banche, ad adottare nuovi strumenti di credito rivolti a soddisfare le esigenze di investimento nel settore del risparmio energetico o di acquisto ed installazione di pannelli fotovoltaici.

E’ in questa logica il finanziamento Presidea Ambiente, proposto da Banca Sella. Si tratta di un prestito personale rivolto a coloro che hanno intenzione di realizzare operazioni di carattere ecologico. Il finanziamento, diversamente da quelli proposti da molti altri istituti di credito, può essere utilizzato non solo per la realizzazione di impianti fotovoltaici ma anche per attività ad esso complementari, quali ad esempio, l’acquisto di autovetture ecologiche, di elettrodomestici di classe A o superiore o la realizzazione di lavori sulla propria abitazione, finalizzati al risparmio energetico.

L’importo massimo concedibile è fissato in 50.000 euro che dovranno essere restituiti secondo un piano di ammortamento non superiore a 180 mesi. Si tratta di un importo sicuramente inferiore rispetto ad alcune banche concorrenti che, in alcuni casi, arriva anche al doppio. Il rovescio della medaglia, però, è rappresentato dall’elevata possibilità di personalizzazione del prestito, in termini di scelta del tasso di interesse e di durata del finanziamento.

La banca, infatti, consente al cliente di scegliere il tipo tasso da applicare: in caso di tasso fisso, il piano di ammortamento prevederà rate ad un importo fisso, mentre nel caso di tasso variabile, il tasso di interesse potrà essere influenzato da quello di mercato e, quindi, potrà essere modificato nel tempo. Allo stesso modo, la durata massima del piano di ammortamento a 180 mesi, conferisce al prodotto bancario un elevato tasso di versatilità rispondendo alle più svariate esigenze finanziarie della clientela.

L’erogazione del prestito è vincolata, inoltre, alla stipula di un contratto di a copertura dei danni diretti dell’impianto o a quelli indiretti quali ad esempio la mancata vendita dell’energia con conseguente perdita dei profitti.

Posted in Banche