Stop alla Sospensione Senza Preavviso



stop sospensione senza preavviso

È giusto punire chi non paga, ma prima di eleggersi giudice e giuria, bisogna esserne più che sicuri. Molte volte capita che per disguidi postali, una famiglia onesta non riceva i bollettini per il pagamento della luce o del gas e dopo qualche tempo si vede privata ingiustamente dell’allacciamento, senza aver ricevuto nessuna comunicazione in merito.

Ecco perché finalmente dal 1° maggio 2013, le cose sono cambiate, prima di privare la fornitura dei servizi sopra citati ai cittadini, bisognerà mandare una comunicazione scritta (tramite raccomandata con ricevuta di ritorno) con quello che sta per avvenire, nonché la possibilità di pagare il debito immediatamente. Infatti, all’interno della comunicazione scritta dovrà essere presente anche il bollettino con relativo importo da pagare e la data ultima per regolare la propria situazione per non vedersi privare da un giorno all’altro dei servizi di bene primario.

Dall’invio della raccomandata il consumatore avrà 20 giorni di tempo per regolare il pagamento, nonché altri 3 prima che il gestore prosegua definitivamente con la sospensione della fornitura, fino ad allora pagata. Qualora il fornitore non rispettasse questa tempistica, il consumatore avrà tutto il diritto di fare reclamo e di ricevere un rimborso da parte dell’agenzia stessa a risarcimento dell’eventuale danno creato al cittadino.

Tutto questo è stato reso possibile dopo il servizio andato in onda qualche mese fa sul celebre programma Striscia la Notizia. Questo, spiega il presidente Garofolini dell’Associazione Difesa Consumatori (Adico), è la dimostrazione di come battersi per i propri diritti e lamentare quando si subiscono soprusi serve, soprattutto se avviene attraverso la televisione, strumento ormai indispensabile per essere quantomeno ascoltati. Finalmente tutte le famiglie italiane, potranno avere una seconda chance per poter pagare (sia per coloro che le comunicazioni non l’hanno ricevuta sia per coloro che purtroppo visto le spese attuali fanno fatica a pagare le spese familiari) le bollette anche se in ritardo senza dover restare al buio e al freddo.

Fonte immagine – http://www.genteveneta.it/public/articolo_gvnews.php?id=425

Posted in Energia