Come chiedere la Pensione di Reversibilità



imagesPer pensione di reversibilità si intende una prestazione economica erogata dall’Inps a favore di alcuni familiari di pensionati deceduti. Naturalmente ci sono dei requisiti ben precisi di cui si deve essere in possesso per avere diritto a questo sussidio economico. Ne hanno ad esempio diritto: i coniugi superstiti; i coniugi divorziati se titolare di assegno divorzile; i figli che alla morte del genitore sono minorenni, inabili, studenti o universitari e a carico dello stesso genitore defunto.

E’ chiaro il fine di questa pensione, ovvero aiutare delle famiglie che improvvisamente, in seguito alla perdita di colui apportava dei benefici economici, si ritrovano in difficoltà. Ma in che modo è possibile ottenere la pensione di reversibilità? Essendo l’Inps l’ente preposto ad erogare tale contributo, è dunque anche l’ente a cui la domanda va presentata.

Chi non vuole occuparsi personalmente della presentazione della domanda può anche decidere di rivolgersi ad un patronato, il quale si occuperà di sbrigare l’intera faccenda. Ma è bene dire che si tratta di una operazione molto semplice. La prima cosa da presentare, opportunamente compilata in tutti i suoi campi, è il modulo di domanda (SO1). A tale modulo è necessario allegare un atto notorio che certifichi che tra i due coniugi non c’è mai stato nessun atto di separazione. Bisogna inoltre presentare anche il libretto di pensione della persona defunta. 

Se i requisiti ci sono tutti la domanda viene accolta. Ma è comunque opportuno sottolineare che, nel caso in cui la domanda venga respinta, è possibile presentare un ricorso entro 90 giorni. Il ricorso può essere presentato in carta semplice al comitato provinciale dell’Inps o agli sportelli appositi sia di persona che tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Quanto all’ammontare della pensione, l’importo varia in base al beneficiario. Mentre i coniugi beneficiano del 60% della pensione percepita in vita dal defunto, ai figli spetta il 40% e ai fratelli o nipoti solo il 15%.

Fonte immagine: http://www.laleggepertutti.it/29474_pensione-di-reversibilita-divisione-tra-due-mogli

Posted in Lavoro