Come Aprire un Conto Corrente in Svizzera



Nel clima di insicurezza generale uno dei crucci più grandi è la sicurezza e la gestione del nostro conto bancario; interessi praticamente inesistenti, costi di gestione molto alti, incertezza sulla stabilità degli istituti creditizi tengono sveglio più di un italiano. Dall’altra parte ci sono paesi, come la vicina Svizzera, che fanno di sicurezza e di professionalità i loro cavalli vincenti. E aprire un conto in questo paese non è un sogno e non è nemmeno troppo difficile.

Innanzitutto dobbiamo comprendere come tenere un conto in Svizzera non solo è possibile, pur essendo residenti in Italia, ma è anche perfettamente legale; non dobbiamo sentirci quindi dei ladri in fuga, visto che non spostiamo soldi “sospetti”, ma semplicemente i nostri risparmi. Non esistono leggi che possano impedircelo, né in Italia né in Svizzera, perchè non si tratta in alcun modo di evasione fiscale. Si tratta semplicemente di cambiare il luogo dove i nostri soldi sono depositati.

In secondo luogo il procedimento non è, come invece si potrebbe pensare, molto difficile: con il fiorire infatti delle banche on-line si sono materializzate diverse possibilità caratterizzate da una sorprendente rapidità e semplicità di esecuzione.

Per esempio con PostFinance (le poste svizzere) è possibile compiere tutto il processo on-line; si recupera il modulo, si compila e si spedisce (saranno necessarie le informazioni sulla provenienza e consistenza del nostro conto; gli istituti bancari svizzeri, per ovvi motivi legali e di prestigio, eseguono una rigorosissima indagine sulla provenienza dei fondi e sull’identità del sottoscrivente). Per posta arriveranno le credenziali, i documenti informativi dove scegliere il tipo di servizio che ci interessa e il contatto del referente di PostFinance da contattare. Le banche svizzere, come anche le poste, in questo caso, richiedono il contatto diretto con il cliente, in modo da vedere bene in faccia il titolare del futuro conto. Ci dovremo quindi recare personalmente a firmare il contratto (se non in Svizzera direttamente, almeno alla filiale italiana, se esiste).

Il nostro conto sarà identico a quello che potremmo avere in Italia: possibilità di investimenti (ma in questo caso potremmo richiedere un tutor, che ci consigli al meglio, servizio che praticamente tutte le banche Svizzere offrono), conto corrente on-line, bancomat e/o carta di credito ecc… Fin da subito avremo un risparmio: infatti nonostante le tasse e le spese, i rendimenti sono così “alti” che per cifre superiori ai 5000 euro rientreremo completamente (in genere) sia delle spese di apertura, sia delle spese mensili, e anzi andremo in attivo!

Posted in Investimenti, Risparmio