Il Risparmio Energetico con le Piante



Un piccolo orto sul balcone o terrazzo rappresenta un divertente hobby e un risparmio economico (frutta, ortaggi e piante aromatiche tutto l’anno!). Inoltre, il verde, opportunamente progettato, può diventare un risparmio energetico per le nostre tasche. La disposizione e la scelta di alberi, arbusti e rampicanti possono ridurre, in maniera consistente, i consumi energetici, necessari a garantire un ambiente sano e confortevole e migliorarlo anche dal punto di vista estetico.

La dispersione di calore e il bisogno energetico degli immobili, soprattutto se realizzati senza i famosi criteri ecosostenibili, sono di tre tipi: conduzione di calore (differenza di temperatura tra ambiente esterno ed interno),  infiltrazioni dell’aria (attraverso infissi, crepe, pareti…), radiazione solare (eccessivo riscaldamento interno a causa dell’incidenza dei raggi solari). La progettazione architettonica è chiamata a rispondere alle esigenze dell’abitante, non solo in termini estetici ma anche dal punto di vista logico, razionale e scientifico, garantendo un comfort abitativo.

Di seguito alcuni consigli se vuoi migliorare il tuo ambiente (ufficio o casa che sia) valutando la progettazione del verde.

  • Se abiti in condominio con giardino comune, è possibile piantar delle alberature e siepi per ombreggiare. Nel caso abbia il privilegio di alloggiare in villette unifamiliari o case con giardino pertinenziale, è possibile progettare il giardino con rampicanti, alberi e siepi come barriere antinquinamento, sonore e riduzione delle temperature estive.  Si calcola una riduzione di 5-6° di temperatura.

Sono preferibili gli alberi a foglia caduca, perché perdendo le foglie in autunno permettono il riscaldamento dell’immobile delle radiazioni solari. La scelta di piantare alberi a crescita repentina, o più lenta (gli ultimi sono più longevi, resistenti a malattie e venti) fa parte di una consapevole progettazione del verde.

  • Altra soluzione esteticamente ed economicamente felice è il tetto verde o giardino pensile: ottima soluzione estetica ed energetica. Esistono soluzioni a verde estensivo ed intensivo. Le prime necessitano meno manutenzione, perchè utilizzano piante ridotte e leggere; il tetto inoltre non sarà accessibile. Il verde intensivo è più costoso e richiede maggiore manutenzione ma otterrai un vero e proprio giardino!

I vantaggi ambientali sono: miglioramento del microclima, protezione sonora, aumento del valore dell’immobile, possibilità di vivere spazi verdi, miglioramento termico, possibilità di recupero dell’acqua a scopo irriguo, filtraggio delle polveri, influsso positivo sugli ambienti interni. L’intervento sui tetti non sono semplici posizionamenti di fioriere gigantesche, ma costituiscono parte integrante del sistema di copertura (regolamentate da UNI 11235).

E’ necessario rivolgersi al progettista o ditte specializzate per la verifica dei carichi, impermeabilizzazione delle solette, progettazione dell’irrigazione e delle piante idonee.

  •  Soluzione d’avanguardia è la parete verticale verde, introdotta dal botanico Patrick Blanc (il cosidetto Mur Végétal).

Si possono installare sia in edifici residenziali che commerciali, all’interno ed esterno. E’ necessaria una progettazione specifica per l’ambiente ed esigenze dell’abitante: è garantito, però,  un effetto fantastico, un buon isolamento termo-acustico, un aumento del valore ambientale e sano microclima interno. Le pareti saranno quindi ricoperte di vegetazione, con problematiche di manutenzione ed irrigazione che aumentano a seconda della localizzazione ed estensione. Consulta un progettista del verde o il tuo vivaio di fiducia per migliorare, attraverso l’inserimento del verde, gli ambienti in cui vivi.

Posted in Risparmio Tagged with: , , ,