Passaggio di Proprietà Auto: come si fa e quanto costa



State per comprare un’auto usata? Se state per effettuare il vostro acquisto da un privato, dovete essere bene informati su una procedura necessaria, il passaggio di proprietà. Se l’auto usata la state comprando da un concessionario, questo del passaggio di proprietà è infatti un problema che non dovete risolvere direttamente, visto che ad occuparsene è il venditore stesso. Ma qualora la trattativa avvenga tra privati, spetta proprio a voi sbrigare questa pratica. Pertanto, vi indichiamo tutte le regole da seguire.

Per prima cosa, per procedere al passaggio di proprietà occorre che l’atto di vendita sia stato firmato. Una volta che ciò sia avvenuto, dovete sapere che avete 60 giorni di tempo a vostra disposizione per potervi mettere in regola. La documentazione di cui avete bisogno per poter effettuare il passaggio di proprietà è piuttosto articolata. Essa prevede che siate in possesso: del certificato di proprietà; della carta di circolazione originale e di una sua copia; del vostro documento d’identità e del codice fiscale, in due copie; del documento d’identità del venditore; del modulo TT2119, che è indispensabile per richiedere l’aggiornamento della carta di circolazione; infine di una marca da bollo da 14,62 euro.

Quando avrete tutti questi documenti necessari potrete recarvi alla motorizzazione oppure ad un ufficio del PRA, ovvero il pubblico registro automobilistico. Poiché il modulo per il passaggio di proprietà deve essere firmato sia dal venditore che dall’acquirente, dovete recarvi in una delle due sedi che vi abbiamo indicato insieme a colui che vi ha venduto l’auto. Qualora non potesse basterebbe una sua firma autenticata.

Una volta firmato il modulo e consegnato tutti i documenti, ci vorrà poco tempo (anche solo una giornata) perché il passaggio di proprietà venga registrato. Ma veniamo ora ai costi necessari per questa procedura. Il totale di tutto ciò che è necessario per sbrigare questa procedura è di 73,78 euro, a cui si deve aggiungere la somma relativa alla l’imposta provinciale di trascrizione. Questa è è di 150,81 euro per i veicoli con una potenza fino a 53 kW. Ma per ogni kW in più va aggiunta una cifra variabile tra i 3,5119 ed i 4,5655 euro, a seconda delle regioni.

Fonte immagine: auto10.it

Posted in Risparmio