Presentare Domanda di Ammissione per un Concorso Pubblico



imagesSono tanti le persone senza occupazione nel nostro Paese, soprattutto giovani. Questi, senza mai perdere la speranza, verificano tutte le possibilità a loro disposizione, controllando scrupolosamente i concorsi pubblici a cui è possibile partecipare. Certo, rispetto ad un tempo, anche i concorsi pubblici sono diminuiti, ma è sempre bene non farsi cogliere impreparati. Qualora dovreste fare una domanda di ammissione per partecipare ad un concorso pubblico sapreste come fare?

Dal momento che si tratta di una procedura che deve essere rispettata alla perfezione, pena la mancata possibilità di accedere alle selezioni, prendiamo in esame i principali passaggi. Chiaramente, la lettura attentissima del bando di concorso è il primo fondamentale passaggio. Il bando raccoglie tutte le informazioni utili per presentare domanda, indicando anche le modalità d’esame.

La lettura minuziosa del bando serve anche per sapere se viene richiesta una particolare documentazione da allegare. Fatto ciò, il secondo passaggio consiste nella compilazione della domanda. Di norma per ogni bando c’è un modello di domanda che deve essere stampato e compilato. Va poi fatta l’autocertificazione di tutti i requisiti che vengono richiesti per la partecipazione. Essa deve essere opportunamente firmata. A questo punto si può procedere con il pagamento della tassa di concorso, il cui importo vi verrà indicato nel bando stesso.

Il pagamento si effettua attraverso un versamento alle Poste Italiane sul numero di conto corrente che, anche in questo caso, troverete indicato all’interno del bando. Dopo il pagamento, si può procedere a raccogliere l’intera documentazione necessaria, la quale comprende, oltre alla domanda di ammissione compilata e firmata, la ricevuta del versamento postale, una copia del proprio curriculum vitae, una copia del documento d’identità, ed eventuali copie di certificati e titoli di cui si è in possesso. L’intera documentazione va spedita mediante raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo indicato. Occhio alla data di scadenza!

Fonte immagine: http://generazionep.ilcannocchiale.it/post/2726194.html

Posted in Lavoro