Come calcolare il Bollo Auto



Il bollo auto, ovvero la tassa automobilistica regionale, varia secondo diversi parametri. Il primo deriva dalla sua stessa natura di tassa il cui prelievo, e gestione, è affidato alle Regioni: ogni Regione, visti i propri bilanci, può avvalersi di un rincaro su questa tassa per far quadrare i conti. La tassa varia di anno in anno, quindi; vediamo come possiamo fare per calcolarla prima della sua scadenza, per prepararci a una spesa che non sarà certo indolore.

L’ACI, come anche altri siti, quali quello dell’Agenzia delle Entrate, offrono una serie di form on-line utili per compiere questo calcolo. Questo è molto utile, in quanto abbiamo la comodità di sapere prima quanto pagheremo, senza muoverci da casa. Sono richiesti due dati: la targa, oppure le caratteristiche del veicolo (potenza in KW, classe ambientale). Può bastare la targa perchè essendo il veicolo immatricolato e registrato, i suoi dati sono già associati alla targa.

Il costo del bollo viene calcolato in pratica moltiplicando il numero di KiloWatt (KW) per la tariffa in euro valida per la nostra Regione. Il servizio ACI consente appunto di inserire i propri dati relativi ai KW derivandoli dalla targa, calcolandoli automaticamente; procederà poi al calcolo della spesa.

Invece lo stesso servizio, tramite il portale dell’Agenzia delle Entrate, offre il servizio di calcolo sia tramite targa, sia inserendo i dati sulla potenza e sulla classe ambientale in modo manuale (consentendoci di essere più sicuri, caso mai che ci sia qualche errore informatico sull’associazione della nostra targa).

E’ necessario conoscere anche l’altro parametro che poco sopra è stato menzionato, cioè la classe ambientale. Infatti l’importo da pagare decresce in relazione alle caratteristiche “ecologiche” del nostro motore; quindi, più alta la cilindrata, più alto il costo, ma migliore la classe ambientale, minore l’imposta da pagare. La classe ambientale va, per le auto, da 0 a 5, e viene denominata Euro 0, Euro 5… dove la Euro 0 è la peggiore.

Informazioni sul costo del bollo possono essere richieste ai contatti pubblicati sui siti ufficiali delle Regioni, dove sono attivati numeri verdi, indirizzi e-mail e sono resti noti gli orari degli uffici competenti. Ricordiamo che il bollo va pagato anche se non usiamo il mezzo, perchè è una tassa sul possesso, non sulla circolazione!

Posted in Internet, Risparmio Tagged with: , , ,