Cos’è una Cassa di Risparmio



Sul territorio nazionale le istituzioni bancarie note con il nome di casse di risparmio sono diffuse in modo capillare; fin dal nome è ben definito il loro legame con realtà locali (Banca di Risparmio del Friuli, Banca di Risparmio di Alessandria ecc.). La loro funzione primaria e originale è infatti quella di servire da contenitore del piccolo risparmio, portandolo a frutto tramite l’esercizio di crediti ipotecari e fondiari, e ancora tramite investimenti sicuri, come quelli nei titoli di stato. Nelle funzioni originarie è anche inclusa una certa vocazione alla beneficenza, e, come si è detto, un’attenzione particolare verso l’industria e l’economia del piccolo o grande territorio all’interno del quale nasce, nonché prestazioni di previdenza individuale.

In origine le Casse di Risparmio non erano istituzioni a fini di lucro e per questo motivo si distinguevano dalle banche vere e proprie; la legislazione in materia di banche, tuttavia, ha finito per equiparare i due tipi di Istituti (in realtà con la legge 218/90 si impose lo scorporo delle Casse tra azienda bancaria in forma di Società per Azioni, con funzione creditizia, e Fondazioni, con finalità morali e benefiche). Spesso anzi le Casse di Risparmio si sono fuse tra di loro e con altri Istituti di Credito, perdendo di fatto il nome originale.

Quali sono i prodotti e i servizi principali di questi Istituti? Il più tipico è il libretto di risparmio che si distingue dal conto corrente vero e proprio per la sua limitata capacità operativa (anche se alcune banche forniscono un servizio di tessera bancomat collegabile a un libretto di risparmio); un libretto di risparmio non potrà mai andare “in rosso”, perchè non possono esserne superati i limiti di capienza in deficit.

Le Casse di Risparmio offrono poi tutti gli altri tipi di servizi di un istituto di credito normale, quindi conto bancario, mutuo, altre forme di prestito ecc.; ma è interessante anche l’aspetto legato alla previdenza. A fronte di un continuo ridursi della pensione pubblica vengono offerti quei servizi che in passato venivano denominati come “pensione integrativa”, ma che oggi possono ormai più propriamente definirsi “pensioni complementari”. Si tratta di prodotti che permettono, attraverso versamenti ricorrenti liberi, di costruirsi una pensione complementare a integrazione di quella pubblica.

Le Casse di Risparmio, nel loro doppio profilo di Società di Credito e di Fondazioni, promuovono anche la ricerca scientifica, la promozione e la conservazione del patrimonio culturale, l’educazione e la formazione e la salute pubblica.

Posted in Risparmio